BASILICA PAPALE DI SAN PAOLO FUORI LE MURA, ROMA

Tra gli importanti lavori eseguiti alla Basilica Papale di San Paolo fuori le Mura in occasione del bimillenario della nascita di San Paolo, il Card. Andrea di Montezemolo, Arciprete della Basilica, ha affidato la progettazione e l’esecuzione di due rilevanti opere al maestro veronese Albano Poli: una struttura di chiusura e copertura dell’atrio esterno compreso tra la basilica e l’abbazia e la grande vetrata artistica collocata nella Cappella del Battistero.
Lo spazio tra la basilica e l’abbazia, stretto e lungo, attraversato dai numerosi pellegrini e turisti che, visitata la basilica, escono verso la zona archeologica, ha assunto il carattere di atrio grazie alla felice realizzazione architettonica ed è divenuto così un ambiente particolarmente accogliente, adatto per una pausa prima di riprendere la visita del complesso paolino.
La copertura è stata realizzata in cristallo temperato su cui è stata eseguita una decorazione artistica mediante la tecnica dell’incisione lasciando solo in parte la naturale trasparenza del cristallo ed interpretando il tema della rete tipico dell’arte del Maestro Poli.
La completa chiusura e separazione dall’ambiente esterno, avviene con un cancello la cui lavorazione dà forma a una maglia in metallo che si erge per tutta l’altezza lasciando filtrare la luce dall’esterno. Il tema artistico è lo stesso della copertura e a completare la chiusura vi è una porta in cristallo interna trasparente.
Se questa prima opera ha richiesto una capacità progettuale e soluzione tecniche specifiche, rivolte a risolvere una situazione pratica, nella realizzazione della grande vetrata artistica collocata nel Battistero emerge l’espressione e la sensibilità dell’artista: Il disegno è una griglia di luce che, nella sua regolare geometria, è un filtro che si scompone nell’incontro con la semplicità e la potenza della fascia centrale, simbolo di un raggio di luce divina che diparte dallo Spirito Santo. La geometria ed i colori caldi e tenui del vetro soffiato riprendono i segni caratteristici dell’architettura circostante creando uniformità: la modernità della vetrata convive così armoniosamente con il “respiro antico” del luogo che l’accoglie.

Per le vetrate realizzate per la Basilica papale Progetto Arte Poli ha ottenuto il primo premio Faith&Form Awards 2011 nella categoria arte liturgica.

torna indietro